Stampa

Tutelare tutti i cittadini: e quelli con disabilità?

Superando.it  Luisella Bosisio Fazzi *

Premetto che non sono più madre di persona con disabilità. Non lo sono più perché l’anno scorso ho perso mio figlio disabile in un tragico incidente dovuto alla sconsideratezza delle Autorità competenti a mettere in sicurezza un luogo, pubblicizzato e fortemente promosso dal punto di vista turistico, dove transitava insieme ad altri “colleghi” – così li chiamava lui – del Centro Diurno e i suoi educatori. Un’esperienza di vita comunitaria finita in tragedia a causa della disattenzione e sottovalutazione da parte di chi doveva capire e che con i suoi poteri avrebbe dovuto prevenire ed evitare ciò che è successo.

Ma non è di questo che voglio scrivere, piuttosto questa mia nuova condizione mi permette di dare attenzione alle discussioni e alle azioni di contrasto nei confronti dell’emergenza Covid-19. Non devo barattare i diritti umani di mio figlio con alcuna azione di contenimento messa in atto per tutelare i cittadini. Azioni drastiche, ma che hanno ancora un volta messo in luce la vulnerabilità di una parte di cittadini.
Tutelare quali cittadini: tutti i cittadini o solo quelli che ce la fanno da soli o ancora quelli che sono socialmente visibili?
Sto parlando delle persone con disabilità. Sì, di quelle persone che, se non ci fossero le loro Associazioni rappresentative, starebbero ancora ad aspettare e ad elemosinare un’attenzione. Se non ci fossero state le Associazioni e le loro reti nazionali (le Federazioni FISH e FAND) non ci sarebbe stata, per le persone con disabilità, alcuna citazione nei vari Decreti che il Governo – dopo il primo – ha emanato fino a ieri sera. E non dico le lotte per essere ascoltati…
Sto parlando delle persone con disabilità. Sì, di quelle persone che, se non ci fossero le loro famiglie, sarebbero morte di inedia, di mancata assistenza, di mancata cura, di mancata protezione.
Sono dura, lo so. Ma è la verità.

Stampa

Scusami Ugo: potevi essere mio figlio e non ti ho visto

fonte contropiano.org, di  Maurizio Amodio *

La storia tragica di Ugo Russo, ucciso a 15 anni mentre tenta una rapina da strada, è di quelle in cui si misura la condizione disperante che un Paese assegna ai propri ragazzi e, al tempo stesso, il livello di degrado del “senso comune”.

Non parliamo solo dei poliziotti et similia che esprimono anche  sui social il proprio odio, puro e semplice, per la racaille (come la definì Sarkozy) che vive nelle periferie. Odio che spiega, prima ancora che avvengano, perché tanti “fermi” tentati sui ragazzi dei quartieri finiscano con un morto in mezzo alla strada. O nelle questure, o in caserma…

Stampa

Non esiste un atteggiamento giusto con le parole sbagliate

fonte superando.it      Antonio Giuseppe Malafarina

Parlare con le parole giuste non è uno schiribizzo di alcuni fissati del lessico. Se io dico a una persona che è un “negro”, faccio pensare qualcosa di diverso che se dico che è un “nero”, ovvero una persona nera. Le parole, con i concetti che intendono, qualche volta in maniera sottintesa, possono fare male, mettiamocelo in testa.

Ne ho parlato qualche tempo fa all’Università Cattolica di Milano, durante l’incontro Disabilità, informare con le parole giuste, valido come corso di aggiornamento per giornalisti, ma aperto a tutti. Beh, mi è capitata un’esperienza singolare.
Non era la prima volta che tenevo una lezione sul linguaggio della disabilità nei corsi di aggiornamento per giornalisti. Per merito di Alessia Bottone, brava collega veneta, abbiamo lavorato in questo senso a Verona e lavoreremo all’Università La Sapienza di Roma.
Apprezzo l’impegno di questa giovane giornalista per portare la cultura della precisione linguistica contro l’abilismo nell’àmbito dei media, perché noi giornalisti siamo fra i primi ingranaggi a muoversi nel meccanismo che dà luogo all’inclusione sociale. Il processo di diffusione della mentalità dell’inclusione ricade su tutta la comunità, coinvolgendo primariamente chi fa comunicazione, perché senza un uso corretto della comunicazione, non si può educare la società all’accoglienza.
Prima di dire dell’aneddoto per cui nasce questa mia riflessione, un breve sunto del mio intervento può servire a rendere l’episodio più comprensibile.

Stampa

Scuola Gli studenti con disabilità parteciperanno alla stesura del PEI

fonte vita.it

All’interno del Gruppo di Lavoro Operativo, che elabora e approva il PEI, «è assicurata la partecipazione attiva degli studenti con accertata condizione di disabilità in età evolutiva ai fini dell’inclusione scolastica nel rispetto del principio di autodeterminazione». È questa la principale novità del correttivo del decreto 66/2017, che va nella direzione della attuazione della Convenzione Onu. Le criticità? Assistenti alla comunicazione e all'autonomia «nei limiti delle risorse disponibili», la data strettissima del 1° settembre 2019 e la possibilità di confermare l'insegnante di sostegno non di ruolo solo alla scuola dell'infanzia e alla primaria.

 Il principio di autodeterminazione dell’alunno con disabilità entra nella scuola. A dieci anni dalla ratifica da parte dell’Italia della Convenzione Onu sui diritti delle persone con disabilità, il diritto all’autodeterminazione di quell’articolo 3 della Convenzione trova concretezza nel mondo della scuola: non solo scrivendolo in una normativa, come principio (a questo livello il decreto 66 lo menzionava già nell’articolo 1), ma dandogli concretezza: dal 1° settembre 2019, con l’entrata in vigore del decreto correttivo del decreto 66/2017 sull’inclusione scolastica - approvato lo scorso 31 luglio - lo studente (quindi forse si intende l’alunno delle scuole secondarie) parteciperà direttamente alla redazione del profilo di funzionamento e alla redazione del PEI, così come i suoi genitori.

Stampa

Disabilità: è una questione di diritti umani

fonte superando.it

 

 

Non semplici “pezzi di carta”, ma documenti che hanno un’influenza reale sulla vita di milioni di persone: sono le norme sui diritti umani delle persone con disabilità, alle quali la Federazione lombarda LEDHA ha deciso di dedicare una specifica sezione nel proprio sito web, ricordando anche che quando quarant’anni fa essa venne fondata da un gruppo di genitori e familiari di persone con disabilità, già allora questi ultimi scelsero di mettere al centro della loro azione la tutela e la promozione dei diritti

 

Realizzazione grafica dedicata ai Diritti Umani

«Quando nel 1979 un gruppo di genitori e familiari di persone con disabilità decisero di dare vita alla LEDHA, per tutelare i propri figli, scelsero già allora di mettere al centro della loro azione la tutela e la promozione dei diritti. Non l’assistenza, non l’inclusione scolastica, non l’abbattimento delle barriere architettoniche. Oggi, a quarant’anni di distanza, la nostra Federazione continua convintamente sulla stessa strada, con strumenti sempre nuovi e con una duplice missione: da un lato la garanzia della tutela dei diritti nel momento in cui questi vengono violati, grazie all’azione dei legali del nostro Centro Antidiscriminazione Franco Bomprezzi, dall’altro attraverso la promozione di una cultura che mette al centro i diritti stessi, sulla base del dettato della Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità. È in quest’ottica di promozione continua della cultura dei diritti delle persone con disabilità, che abbiamo deciso di dedicare un’intera sezione del nostro sito al tema dei diritti umani e dei diritti delle persone con disabilità».

Condividi su

FacebookTwitterGoogle BookmarksLinkedin