Stampa

Alunni con disabilità: uno su due si iscrive a un professionale

fonte vita.it

Sono 254.366 le alunne e gli alunni con disabilità che frequentano le scuole italiane, pari al 2,9% del totale della popolazione studentesca. Il 43% delle classi ha almeno un alunno con disabilità. Nel 70% dei casi, la disabilità è intellettiva. C'è un insegnante di sostegno ogni 1,80 alunni con certificazione di disabilità. Il report biennale del Miur

Stampa

Sindrome della Rassegnazione: la malattia dei bambini migranti

fonte vita.it

L’hanno chiamata in tutti i modi: “malattia della bella addormentata”, “stato catatonico”, “apatia” eppure definire esattamente la “uppgivenhetssyndrom” (in inglese Resignation syndrome), letteralmente “Sindrome della rassegnazione” continua ad essere complicato perché, ancora oggi, questo disturbo che sembra affliggere solo i figli dei migranti in Svezia, rimane in larga parte un mistero.

A soffrirne sono prevalentemente bambini e ragazzi tra gli 8 e i 15 anni che improvvisamente cadono in uno stato di torpore profondissimo, incapaci di rispondere a qualsiasi stimolo vitale, faticano a svegliarsi e sono costretti a nutrirsi con un sondino.

Stampa

Quel che dovrebbe essere, sempre, l’inclusione scolastica

fonte superando.it, di Simona Lancioni *

Forse «La Repubblica» (cronaca di Bologna) ha virato un po’ sul sensazionalistico nei due articoli del 6 e 10 aprile, intitolati rispettivamente Riccione, in classe c’è un bimbo con l’epilessia: ogni compagno ha un ruolo per le emergenze» e La maestra che ha sfidato l’epilessia: “Così ho insegnato alla classe ad aiutare il compagno” (di Ilaria Venturi), ma la storia di Noah, che ha 9 anni e soffre di epilessia, è qualcosa di più di una bella storia di inclusione scolastica.

Elena Cecchini ha 43 anni e insegna alla scuola primaria Annika Brandi di Riccione (Rimini). Ciò che l’ha resa “famosa” è il fatto di avere coinvolto i suoi alunni nelle operazioni di pronto intervento, nel caso in cui Noah avesse manifestato una crisi epilettica. In quella circostanza a diversi alunni sono assegnati incarichi specifici da svolgere, mentre lei stessa soccorre il bambino. Incarichi come prendere il farmaco dal secondo cassetto, prendere il cuscino dall’armadietto, chiamare i bidelli e gli insegnanti delle classi addicenti.
Gli incarichi sono annotati su un cartellone appeso in classe

Stampa

Troppi anziani soli. E la Sanità non aiuta chi è in difficoltà

fonte "La Stampa"

Il terzo omicidio-suicidio in poco più di un mese. Le associazioni: poco impegno nel garantire le cure

 
 

 

Le calle e i biglietti lasciati da vicini e conoscenti all’ingresso della palazzina in cui i due anziani coniugi si sono tolti la vita

 
 
 
 

 

Davanti al civico 12 di via Signorini qualcuno ha lasciato delle calle bianche e due biglietti a forma di farfalla. Nessuna frase di condoglianze, solo due nomi: Luciana e Norberto. «Appena ho saputo mi è venuto in mente quello che diceva mio padre», racconta una vicina che si stringe nelle spalle mentre gli occhi si velano di lacrime. «Quando la mamma si è ammalata di Alzheimer lui si è pentito di aver restituito la pistola in caserma. Avrebbe voluto farla finita, per entrambi, non ce la faceva più a vederla soffrire. Sono cose che si capiscono solo se si provano sulla propria pelle. Non si può giudicare».

Stampa

5 miliardi all’anno dalla “caccia ai falsi invalidi”? Parole molto preoccupanti

fonte superando.it

«Lasciano quanto meno perplessi le dichiarazioni di Alberto Brambilla, autorevole esponente della Lega, raccolte da “la Repubblica” di oggi. Oltre che irricevibili sono francamente contraddittorie e insostenibili».
È senza troppi giri di parole il commento di Vincenzo Falabella, presidente nazionale della FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap), alle affermazioni di Alberto Brambilla, ex sottosegretario al Lavoro del ministro Roberto Maroni, in uno dei Governi Berlusconi, nonché esperto in materie previdenziali per la Lega.
Nell’intervista odierna cui si fa riferimento, infatti, Brambilla individua tra le risorse necessarie per una revisione della Legge Fornero sulle pensioni «un intervento chirurgico e fattibile: 50 miliardi in dieci anni. Che si coprono tagliando quell’assistenza che va ai falsi invalidi e a chi non se lo merita, perché mente sui requisiti». Lo stesso Brambilla, inoltre, sostiene che in assistenza si spenderebbero 100 miliardi l’anno, «non si sa bene sulla base di quali conteggi», rileva la FISH.

Condividi su

FacebookTwitterGoogle BookmarksLinkedin