Stampa

Differenza tra invalidita' civile, handicap e disabilita'

SuperAbile.it

Non sempre risulta chiara, a chi non ha dimestichezza con i termini utilizzati dalla normativa, la differenza tra invalidità civile, situazione di handicap e disabilità. Ognuna di queste voci, e che corrisponde ad una precisa definizione, sono contemplate da normative differenti e l’accertamento è effettuato da commissioni mediche diverse. Sebbene la commissione operante nella visita di prima istanza è di regola competenza dell’Asl, per ogni accertamento la composizione di tali commissioni è diversa secondo il tipo di accertamento da effettuare e per la visita medica dovrà essere presentata specifica domanda, sbarrando l’apposita casella. Si precisa che lo stesso certificato medico, così come la domanda, possono essere utilizzati per la richiesta di diversi accertamenti, per esempio: invalidità civile e handicap, handicap e disabilità, invalidità civile e disabilità e, perfino, le tre voci contemporaneamente.

Stampa

I dati sulla didattica a distanza confermano un ulteriore gap per gli alunni con disabilità

invisibili.corriere.it

Un’importante ricerca  è stata condotta in aprile dalla Fondazione Agnelli, l’università di Bolzano, l’università LUMSA e l’università di Trento. I quattro enti hanno promosso un’indagine online per i docenti della scuola italiana, al fine di comprendere quali sono le difficoltà maggiori che gli alunni disabili trovano nella DaD. Le disabilità maggiormente prese in considerazione sono state l’autismo (31%) e quella intellettiva (57%).

Secondo la ricerca, il 44% degli allievi con disabilità è ben integrato nelle attività della DaD della classe e solo per il 19% si è dovuto attivare percorsi individualizzati; eppure, un alunno su quattro rimane indietro.

Stampa

Autismo, la richiesta di aiuto di un papà caregiver, ai tempi del Covid

redattoresociale.it

Pierpaolo è un papà caregiver che chiede aiuto. Chiede aiuto alle istituzioni, perché da solo con due bambini, non riesce a gestire l'autismo e l'epilessia (recentemente diagnosticata) di Valerio, il più piccolo dei due, che ha dieci anni. La moglie è venuta a mancare sei anni fa a caus di una malattia e da allora Valerio Pagnan è completamente solo, senza che lo familiari che lo affianchino in questo complicato compito e con le istituzioni che non forniscono il supporto che gli spetterebbe di diritto. “Ho dovuto lasciare il lavoro perché devo occuparmi di Valerio continuamente”, racconta. Finché c'era la scuola, almeno qualche ora Valerio era libero, ma da quando la pandemia ha tenuto tutti a casa, quella che già era una situazione difficile è diventata complicatissima. Valerio ha una forma grave di autismo, è agitato e spesso aggressivo, legato ad abitudini e orari spesso difficili da conciliare con altri impegni, deve essere sempre tenuto d'occhio, soprattutto da quando, circa un anno fa, all'autismo di è aggiunta l'epilessia. “Ci sono farmaci che riesco a farli prendere – racconta Pierpaolo – altri che invece rifiuta. Crolla improvvisamente a terra, anche più volte durante il giorno, è io non riesco a controllare queste crisi. Per questo chiedo aiuto alle istituzioni”.

Stampa

II disturbi dello spettro dell’autismo, impariamo a conoscerli, in classe e non. Approccio didattico

orizzontescuola.it

I disturbi compresi nello spetto dell’autismo rientrano in quelli del neurosviluppo: si tratta di problematiche originate da una compromissione generalizzata in diverse aree dello sviluppo psico-motorio, dell’interazione sociale e della comunicazione, che possono comparire nelle prime fasi dello sviluppo – talvolta in età pre-scolare.

Classificazioni dei disturbi dello spettro dell’autismo

I disturbi dello spettro dell’autismo, nell’ICD10 (International Statistical Classification of Diseases and Related Health Problems, dell’OMS – Organizzazione Mondiale della Sanità), vengono definiti come un insieme di disturbi caratterizzato:

a) dalla presenza di una compromissione dello sviluppo che si manifesta prima dei 3 anni;

b) da un funzionamento anomalo delle aree già evidenziate (sviluppo psico-motorio, interazione sociale e comunicazione), poiché esse appaiono limitate, stereotipate e ripetitive;

c) da una serie di altre caratteristiche diagnostiche che possono svilupparsi in concomitanza (ma non è condizione imprescindibile per la diagnosi): fobie, disturbi del sonno e dell’alimentazione, collera e aggressività, anche diretta verso se stessi.

Stampa

"Sono un autistico con la costellazione in testa"

ilsecoloxix.it

La storia di un uomo geniale, appassionato di fotografia e cultore di astronomia, ma affetto dalla sindrome di Asperger, una forma di autismo. E la storia di associazioni genovesi che lavorano per aiutare persone come lui a superare la sofferenza della diversità e ad imparare ad esprimere sogni e sentimenti anche attraverso la musica e le poesie.

Sentirsi un extraterrestre in mezzo agli altri, stato d’animo frequente di molte persone con disturbi dello spettro autistico. Per loro è quindi fondamentale trovare i canali più adatti tra il mondo interiore e quello esterno, per dar voce a sentimenti, sogni, interessi e affermare la propria identità. Come il vulcaniano Spock, primo ufficiale del capitano terrestre Kirk sull’astronave Enterprise e protagonista della serie di Star Trek, sempre alla ricerca, con mille risorse, del miglior equilibrio possibile tra due mondi.

Condividi su

FacebookTwitterGoogle BookmarksLinkedin